fbpx
Coppa delle Coppe 1976/77

1977: la spunta l'Amburgo di Felix Magath

1977: mentre in tutta Europa dilaga l’onda elettrica del punk e David Bowie lavora alla sua trilogia berlinese, nella seconda città tedesca è tempo di stappare lo champagne. La Coppa delle Coppe 1976/77 viene vinta dall’Amburgo FC, compagine allenata da Kuno Klötzer che annovera il centrocampista Felix Magath. Costui, nato in una base militare statunitense in Germania da un soldato di origine portoricana e una donna tedesca, sarebbe diventato famoso in Italia nel 1983 per il gran gol con cui fece vincere ai tedeschi la Coppa dei Campioni.

Tra gli altri, in porta c’è Rudi Kargus, in difesa Manfred Kaltz che avrebbe trionfato agli Europei del 1980, a centrocampo oltre a Magath c’è Ferdinand Keller, in attacco l’esperto Georg Volkert. In coppa i teutonici fanno fuori Heart of Midlothian, MTK/VM Budapest e in semifinale l’Atletico Madrid. In finale si trovano di fronte i campioni in carica dell’Anderlecht.

Coppa delle Coppe 1976/77

Kaltz e Van Binst prima della finale (foto di Hans Peters).

I belgi erano reduci da una turbolenta semifinale contro il Napoli, con i partenopei che all’andata avevano vinto 1-0 con gol di Bruscolotti. Al ritorno però finisce con una bruciante sconfitta per 2-0 con un arbitraggio, quello dell’inglese Matthewson, molto contestato. I tifosi azzurri ricordano ancora il gol annullato a Speggiorin.

La finale della Coppa delle Coppe 1976/77

All’Olympisch Stadion di Amsterdam va tutto come da copione: i belgi attaccano, gli amburghesi si difendono. Al 78° la svolta: calcio di rigore per i tedeschi, prontamente trasformato da Volkert. Dieci minuti dopo il raddoppio con Magath, abile nel raccogliere un suggerimento e insaccare alle spalle di Ruiter. I tedeschi possono festeggiare mentre i belgi diventano la quarta squadra a fallire la vittoria in Coppa delle Coppe per due anni di seguito.

53 comments

Leave a reply